Italian English French German Portuguese Russian Spanish
Press

Box 30x40

Febbraio 28, 2014

I tannini e i polifenoli contenuti nei semi d’uva hanno dimostrato di essere capaci di ridurre gli effetti collaterali e aumentare l’efficacia della chemioterapia nel trattamento del cancro al colon.

Un estratto di semi d'uva ha dimostrato di aumentare la potenza della chemioterapia e ridurne al contempo gli effetti collaterali.

Le chemioterapia, allo stato attuale, rimane ancora uno dei trattamenti più praticati nella cura del cancro nelle sue varie forme. Tuttavia, come è purtroppo ben risaputo, non è priva di effetti collaterali, anche gravi.

In certi casi non se ne però può fare a meno. E quando sia questo il caso, si può se non altro cercare di ridurre al minimo questi effetti avversi e, magari, riuscire anche ad aumentare l’efficacia della cura: tutto questo, a quanto sembra, trova una risposta nei semi d’uva che secondo uno studio dell’Università di Adelaide (Australia) contengono delle sostanze attive utili in tutte e due i casi.

Sarebbero dunque i tannini e i polifenoli – agenti antinfiammatori – contenuti nei semi d’uva a ridurre gli effetti collaterali e ad aumentare l’efficacia della chemioterapia utilizzata nel trattamento del cancro all’intestino, uno dei più diffusi e piuttosto ostici da curare.

Secondo la dott.ssa Amy Cheah e colleghi, vi è un crescente corpo di evidenze che attestano agli estratti di semi d’uva proprietà non solo antinfiammatorie, ma anche anticancro: per cui se ne ottiene un doppio beneficio.

«Questo è il primo studio a dimostrare che i semi d’uva possono aumentare la potenza di uno dei maggiori farmaci chemioterapici nella sua azione contro le cellule tumorali del colon – spiega la dott.ssa Cheah – La ricerca ha anche mostrato che in studi di laboratorio il vinacciolo assunto per via orale ha ridotto in modo significativo l’infiammazione e danni ai tessuti causati dalla chemioterapia nel piccolo intestino, e non ha avuto effetti dannosi sulle cellule non tumorali».

«A differenza della chemioterapia – aggiunge la Cheah – il vinacciolo sembra agire selettivamente sulle cellule tumorali, lasciando le cellule sane quasi inalterate».

Lo studio, pubblicato su PLoS One, è stato condotto in laboratorio su colture di cellule tumorali del colon su cui sono stati testati gli effetti di un estratto di semi d’uva, che è un sottoprodotto della vinificazione. Nello specifico, sono stati utilizzati tannini estratti dai semi d’uva liofilizzati e in polvere.

I risultati dei test hanno mostrato che l’estratto di semi d’uva non ha causato effetti collaterali sull’intestino sano a concentrazioni fino a 1.000 mg; ha diminuito sensibilmente il danno intestinale da chemioterapia, rispetto alle cellule di controllo; ha promosso una diminuzione dell’infiammazione indotta dalla chemioterapia fino al 55% e, infine, ha aumentato del 26% gli effetti inibitori della chemioterapia sulla crescita delle cellule cancerose del colon.

«I nostri studi sperimentali hanno dimostrato che l’estratto di semi d’uva riduce l’infiammazione e il danno indotto dalla chemioterapia e ha contribuito a proteggere le cellule sane nel tratto gastrointestinale – sottolinea la dott.ssa Cheah – Anche se questo effetto è molto promettente, inizialmente eravamo preoccupati che semi d’uva potessero ridurre l’efficacia della chemioterapia». Ma per fortuna così non è stato; anzi.

«Al contrario – spiega infatti la Cheah – abbiamo scoperto che l’estratto di semi d’uva non solo ha promosso la capacità della chemioterapia di uccidere le cellule tumorali, ma ha anche reso più potente la chemioterapia nella concentrazione che abbiamo testato».

«I semi d’uva – aggiunge il coautore dello studio, professor Gordon Howarth – stanno dimostrando un grande potenziale come trattamento antinfiammatorio per una serie di malattie intestinali e ora come un possibile trattamento anticancro. Questi primi risultati anticancro provengono da colture cellulari e il prossimo passo sarà quello di approfondire la ricerca».

Ecco dunque come un prodotto naturale considerato di scarto – e che pertanto andrebbe perduto – si possa invece dimostrare utile perfino in un ambito di salute delicato come quello del cancro. E come disse a riprova una ricercatrice statunitense poco tempo fa in uno studio sulla placca arteriosa: «La Natura è più avanti di noi».


Fonte: www.lastampa.it

Data di pubblicazione: 25/02/2014


Non solo uva e ciliegie

Orchidea Frutta: una realtà in crescita su diverse referenze ortofrutticole

 

"I volumi movimentati di carciofo risultano simili rispetto alla scorsa stagione, per un totale di circa 8-9 milioni di pezzi. In generale, considerando anche altri prodotti, possiamo dire che si è registrato un aumento pari al 15% nella movimentazione degli ortofrutticoli che trattiamo".

A dichiararlo a FreshPlaza sono i responsabili aziendali della Orchidea Frutta, azienda pugliese di Rutigliano (BA), specializzata nella produzione e distribuzione di uva da tavola, ciliegie, agrumi, pesche, albicocche, angurie e carciofi. Per ciascuno di questi segmenti, l'azienda propone un'ampia gamma di diverse varietà, tali da accontentare le esigenze di ogni mercato. 

Orchidea Frutta distribuisce agrumi, da 5-6 anni, con una crescita annua del 10-15%; stessa percentuale positiva anche per pesche e nettarine, prodotti che l'azienda distribuisce da 3 anni. Anche le albicocche registrano una tendenza in aumento: "Da 4 anni distribuiamo albicocche e la crescita annua è pari al 20%. Vista la costante estensione nel territorio pugliese di campi coltivati ad albicocco, soprattutto con le nuove varietà tardive e francesi, Orchidea Frutta sta mettendo a punto una nuova confezione per il 2014, che sarà a disposizione dei suoi clienti."

Grazie al costante impegno nell'investire in strutture e impianti, sia in Italia che all'estero, attualmente l'azienda produce nelle proprie aree di coltivazione oltre il 20% del fabbisogno di uva da tavola del proprio mercato.

Inoltre controlla rigorosamente, nelle proprie sedi e in quelle dei partner esteri - quali Marocco, Egitto, Grecia e Turchia - ogni fase del processo operativo, dalla produzione e approvvigionamento alle attività di selezione, confezionamento e distribuzione del prodotto finito; il tutto realizzato nel più breve tempo possibile. La merce fresca viene immediatamente conservata negli impianti di refrigerazione ad abbattimento rapido della temperatura che l'azienda ha implementato per garantire freschezza, genuinità e sicurezza alimentare dei prodotti fino alla loro destinazione sulle tavole di tutto il mondo.

La qualità di ogni lotto di produzione e approvvigionamento è garantita dai produttori certificati GlobalGAP e dalle certificazioni di conformità rilasciate dai laboratori di analisi, accreditati dagli enti più rappresentativi del settore.

I principali canali di vendita della Orchidea Frutta sono rappresentati dalla Grande distribuzione organizzata (GDO) italiana ed europea. "In generale, parlando anche di uva - continuano i responsabili - da 3-4 anni esportiamo anche verso Paesi extra europei, Stati Uniti, Canada e nuovi paesi emergenti quali Medio Oriente e Sud America". Relativamente ai prezzi di vendita, questi hanno subito una riduzione del 10-15% rispetto alla stagione 2012/13.

A seconda della tipologia di prodotto, l'azienda di Rutigliano avverte la competizione estera. Da parte della Spagna per quanto concerne gli agrumi; dalla Grecia e ancora dalla Spagna se si parla invece di uva da tavola senza semi.

"Lo sviluppo esponenziale registrato durante gli ultimi anni ci ha portato a dotarci di nuovi strumenti tecnologici per la gestione della centrale ortofrutticola, equipaggiandola con moderne linee di lavorazione/confezionamento e celle frigorifere - continuano dall'azienda - in modo da garantire una buona capacità di stoccaggio, l'abbattimento delle temperature e il mantenimento delle proprietà organolettiche, morfologiche e di freschezza del prodotto".

Per far fronte alla continua crescita aziendale, è in costruzione un opificio di circa 14.000 mq coperti, che sarà pronto nel 2015.

Da sempre attenta alla promozione del territorio e delle eccellenze alimentari ad esso collegate, Orchidea Frutta ha recentemente contribuito alla realizzazione di una serie di episodi televisivi - dieci appuntamenti in tutto della durata media di circa quattordici minuti - nei quali alcuni specialisti nel settore della nutrizione sottolineeranno l'importanza di una corretta alimentazione abbinata ai corretti stili di vita. "In questi redazionali, grande importanza sarà dedicata all'uso quotidiano dei prodotti ortofrutticoli d'eccellenza, che la nostra regione Puglia esporta in tutto il mondo". 

Gli incontri rientreranno tra gli appuntamenti che il programma "Come Stiamo?" ha realizzato con gli specialisti e le strutture sanitarie più importanti del territorio. Il palinsesto televisivo è consultabile al link: Sponsorizzazione programma televisivo "Come Stiamo"?

 

Data di pubblicazione: 21/02/2014

Autore: Maria Luigia Brusco

Copyright: www.freshplaza.it

 

Box in PP

Febbraio 19, 2014

PIANO PUBBLICITARIO DI “ORCHIDEA FRUTTA” NEL PROGRAMMA “COME STIAMO?” VI EDIZIONE

 

Orchidea Frutta da sempre attenta alla promozione del territorio e delle eccellenze alimentari ad esso collegate, ha aderito a realizzare una serie di programmi nei quali si parlerà proprio di questi argomenti. Specialisti nel settore della nutrizione sottolineeranno, nel corso di dieci appuntamenti, della durata media di circa quattordici minuti, l’importanza di una corretta alimentazione abbinata ai corretti stili di vita. In questi redazionali grande importanza sarà data all’uso quotidiano dei prodotti ortofrutticoli d’eccellenza, che la nostra regione Puglia esporta in tutto il mondo. Gli incontri descritti rientreranno tra gli appuntamenti che il programma “Come Stiamo?” ha realizzato con gli specialisti e le strutture sanitarie più importanti del territorio, messi in onda su un Network di televisioni del quale fanno parte:

 

1) 7GOLD (Puglia e Basilicata) “CH 77” ma che viene visto anche in altre regioni meridionali. Sull’emittente il programma viene messo in onda dal Lunedì al Venerdì a partire dalle ore 12.16

2) DELTA TV (diffusione interregionale) “CH 78” Sull’emittente il programma viene messo in onda da Lunedì a Venerdì alle ore: 07.30 – 15.00 – 20.30, Sabato e Domenica in replica alle ore 22.30

3) TRCB Tele Radio Città Bianca (diffusione regionale) “CH 85” Sull’emittente viene messo in onda da Lunedì a Domenica alle ore: 08.00 – 17.00 – 22.05

4) CANALE8 “CH 92” (diffusione interprovinciale) Sull’emittente viene messo in onda alle ore: 09.30 – 17.00 – 20.00

5) FEEL GOOD TV “Webtv”

6) NEWSEVENTI.IT “Sito Social Media” 

 

Su tutte le emittenti il programma è inoltre visibile anche in streaming e cioè attraverso internet collegandosi al sito dell’emittente di riferimento nel medesimo istante in cui viene trasmesso dalla rete digitale.

 

I programmi che parleranno di nutrizione saranno messi in onda nelle seguenti settimane:

a) Lunedì 31 marzo, Domenica 6 aprile (5 redazionali nuovi)

b) Lunedì 12/Domenica 18 maggio (replica delle puntate messe in onda nella settimana precedente)

c) Lunedì 8/Domenica 15 Giugno (5 redazionali nuovi)

d) Lunedì 14/Domenica 20 luglio (replica delle puntate messe in onda nella settimana precedente)

 

 

Orchidea Frutta è inoltre presente come sponsor principale dell’intero ciclo di trasmissioni del programma in qualità di “Main Sponsor” e quindi con “Billboard” della durata di 5” e “Spot” della durata di 16” che vanno in testa e in coda al redazionale. 





Ultime News

Contatto

Orchidea Frutta S.r.l.

Sede legale: via Zara, 41
70018 Rutigliano (BA) - ITALY

Sede Operativa:
S.P. 240 Delle G. Orientali, Km 1,000
70018 Rutigliano (BA) - ITALY

Tel.: +39 (080) 476.10.03
Fax:
+39 (080) 476.85.41
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza i cookies.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

User Login